Sul conto comune: apertura e il funzionamento

Sul conto comune: apertura e il funzionamento

Il conto congiunto è un conto bancario che opera per conto di diversi proprietari (una coppia più spesso). Utule ma non senza rischi, il conto comune ha dei vantaggi pratici ma anche alcuni svantaggi legali. Aggiornamento sulle regole per sapere.

definizione

Il conto congiunto è un conto bancario aperto a nome di due o più persone legate o meno una relazione. contitolari sono solidalmente responsabili per l'account e possono commettere tutti i fondi in esso contenute.

In pratica, il conto comune è usato principalmente da coppie (sposate, sposate o partner civili). Ha diversi vantaggi per loro. Facilita la gestione delle spese delle famiglie pur permettendo, membri di una coppia di ricambio impostare. In cambio, titolare di un conto può richiedere un debito contratto da parte del co-proprietario. In caso di scoperto di conto, la banca può includere dirigere il pagamento delle somme dovute a qualsiasi titolare del conto.

L'articolo conto, tuttavia, non è solo per le coppie. Una madre e figlia o fratello e sorella può essere ad esempio molto bene condividono un conto cointestato.

Condizioni di apertura

accordo account

La procedura per aprire un conto comune segue le stesse regole in caso di apertura di un conto tradizionale. Un accordo conto viene stipulato tra la banca e comproprietari del conto, in presenza di ciascuno di essi. Ha notato, in particolare, il funzionamento dei termini di conto, i servizi offerti e le tariffe applicabili.

Per la Corte Suprema, è necessario che si stabilisca l'accordo apertura del conto a nome di ciascun titolare e firmata da ciascuno di essi per l'esistenza di un conto cointestato è caratterizzato. Il semplice fatto che gli estratti conto bancari sono pubblicati nel nome di due persone per lo stesso account non stabilisce l'esistenza di un conto cointestato, un accordo sul conto allegato non può mai assumere (sentenza n 15-15.350 della camera commerciale dell'8 marzo 2017).

relazione

Il conto congiunto è aperto nella maggior parte dei casi, i nomi di un paio (coniuge, convivente o unione civile) o di una famiglia (un padre e un figlio, ad esempio), ma i titolari dei conti non lo fanno l'obbligo di disporre di una relazione tra di loro.

numero limite

Il conto può essere aperto a nome di due o più persone. In linea di principio, non v'è alcun limite al numero. Tuttavia, la banca può comunque decidere di fissare un massimale.

conti di cui

I clienti possono aprire un conto in allegato:

  • un conto corrente;
  • un conto di risparmio;
  • un conto titoli;
  • un conto di deposito a termine.

Tuttavia, non è possibile aprire un conto comune nel Livret A, LDD, un PEL o PEA.

operazione

In linea di principio, qualsiasi metodo di pagamento può essere utilizzato dai proprietari congiunti del conto. Recesso, al deposito, assegno, bonifico bancario, addebito diretto ... può quindi essere utilizzato da ciascuno dei comproprietari. Con una sola eccezione, tuttavia: la carta di credito è personale e può essere utilizzato solo dal titolare. Se l'altro contitolare desidera avere una carta di credito, la creazione di una seconda carta di credito in suo nome sarà obbligatoria. Si noti che, spesso, la banca offrirà ai clienti una riduzione del prezzo della seconda carta di credito dopo l'emissione di un primo.

Nome account collegato

I nomi dei cointestatari del conto congiunto vengono visualizzati su tutti i documenti bancari relativi al conto. Così, estratti conto bancari e libretti di assegni emessi a clienti indossare il titolo di ciascuno di essi. esempio: "Il signor X o Y Ms.". Al momento della firma del contratto di conto, i comproprietari devono quindi concordare un indirizzo comune per il ricevimento delle lettere delle banche.

Al contrario, la carta blu è personale e non possono riguardare unico titolare.

Debiti e incidenti di pagamento

Mentre utile, l'account presenta rischi per ciascun co-proprietario. Così, ciascuno è debito garantito: fintanto che il saldo del conto è negativo, ciascuno è considerato debitore. Pertanto, il titolare di un conto congiunto può essere responsabile di un debito che non è la causa.

Un altro pericolo: i titolari di un conto sono corresponsabili nel caso di un incidente di pagamento. Quando uno di loro emette un assegno scoperto, tutti i comproprietari diventano banca normalmente vietati e sono divieto di emettere assegni alla regolarizzazione di non pagato. Tuttavia, questa situazione può essere evitato se prima di ogni incidente, i co-proprietari avevano fatto di loro, di comune accordo, un unico responsabile per qualsiasi incidente collegato l'emissione di un assegno.

Separazione dei beni

Anche quando sono sposati in separazione dei beni, i coniugi possono perfettamente aprire un conto bancario comune, o di firmare una procura permettendo ciascuno di loro di gestire l'account dell'altro.

Ciò solleva il problema dell'origine e la proprietà dei fondi in questi conti bancari.

I fondi esistenti nel conto in nome di un coniuge sono ritenuti appartenere a quel coniuge. Ma l'altro coniuge può dimostrare il contrario con ogni mezzo.,

A volte i fondi in un conto congiunto sono considerati indivisa secondo i termini del contratto di matrimonio. In questo caso, questo semplice presunzione può essere confutata da prove che i fondi depositati da un marito erano personali. Per esempio, se si riceve entrate significative, mentre il coniuge ha solo gli accessori e le risorse occasionali.

Ma queste norme non incidono la proprietà dei beni acquisiti con i fondi dal conto comune. Per questi beni, la Corte Suprema ha un principio, il principio del primato del titolo sul finanziamento. contare solo le dichiarazioni rilasciate nel titolo, a prescindere dalla modalità di finanziamento e ingressi ciascuno.

Come chiudere un conto congiunto

I titolari di conto possono talvolta desiderare per chiuderla, compreso il caso di divorzio o separazione. La chiusura di un conto comune, sotto forma di una lettera di disdetta firmato da tutti i cointestatari e inviato alla banca. Quando si chiude il conto, la banca può rivendicare tutti gli importi dovuti su qualsiasi codetentori quando il saldo del conto è negativo. Se positivo, il ritiro avviene tramite la firma dei comproprietari o, in caso di controversia tra di loro, in base a una decisione del giudice.

In pratica, uno dei contitolari possono tuttavia opporsi alla chiusura del conto comune. In questo caso, quello che vuole chiudere il conto deve indicare solo il conto congiunto attraverso l'invio di una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno alla banca e ad ogni altro titolare del conto congiunto. L'account diventa un account indivisa senza solidarietà attiva e tutte le decisioni di gestione verrà quindi realizzato con la firma di tutti i comproprietari.

Vista e la chiusura del conto congiunto in caso di separazione.

Morte e successione

In caso di morte di uno dei co-titolare di un conto congiunto, non viene bloccata, a meno che il deceduto o eredi specificamente richiesta si blocca. Se ci fossero due co-proprietari, il proprietario superstite diventa l'unico proprietario del conto. Quest'ultimo si trasforma in conto bancario individuale. Il singolo titolare può continuare ad essere utilizzati senza particolari formalità.

In successione, quando non sono forniti dati circa l'origine dei fondi in modo che la morte del giorno in cui il saldo del conto si considera appartenere allo stesso modo a ciascun coniuge. Il risultato: la metà del saldo del conto congiunto tra la data di morte in successione, mentre l'altro rimane utilizzabile dal coniuge superstite.
Sul conto comune: apertura e il funzionamentoScarica questo articolo (PDF)
Pubblicato da ericRg. Questo documento intitolato "Il conto congiunto: apertura e il funzionamento» da Fare Finanza (Droit-finances.commentcamarche.net) è soggetto a copyright.Qualsiasi riproduzione o rappresentazione totale o parziale di questo sito con qualsiasi procedimento, senza espressa autorizzazione è interdite.charger questo articolo (PDF