Laruchequiditoui.fr: collegare i produttori ei consumatori locali

Laruchequiditoui.fr: collegare i produttori ei consumatori locali

Mangiare bene, mangiare bene: senza necessariamente essere un tossicodipendente organico, mangiare sano è diventata un leitmotiv di molti consumatori di oggi. Ciò che è nei nostri piatti per noi e che ci preoccupa sempre di più. E molti siti stanno ora mettendo in avanti il ​​vantaggio dei cicli di produzione e di vendita allo scoperto locali, come legoutestdanslepre.fr abbiamo già parlato. Il giorno in cui il sito celebra il concetto di commercio diretto tra consumatore e produttore: laruchequiditoui.fr riunisce i leader ed i consumatori alla ricerca di un commercio più equo. Benvenuti l'alveare!

Il principio di laruchequiditoui.fr è semplice: riunire i piccoli produttori e consumatori attraverso un individuo. Questo particolare diventa una testa "alveare" di relè merci, consegnate dai produttori e recuperato in casa da parte dei consumatori. Un alveare può essere una casa o di lavoro, di una società, una scuola, un ristorante, etc. Il fondatore del sito, Guilhem Chéron, appassionato di cucina e nipote di un contadino, spiega che "con l'acquisto di alcuni, intermedio viene ridotta, quindi i costi, ma anche le emissioni di gas ad effetto serra." Il sito mette in evidenza l'acquisto gruppo responsabile, riducendo percorsi di consegna e intermediari (trasportatori, grossisti, supermercati) e soprattutto di negoziazione i piccoli produttori locali, in uno spirito di condivisione e di convivialità.

In pratica, ogni alveare deve raccogliere massimo di quaranta a cinquanta famiglie. Una volta che l'importo minimo di ordine è raggiunto, l'alveare può contattare il produttore locale che lo offrirà un'offerta. Una volta che i prodotti consegnati nell'alveare, ogni "ape" sarà quindi in grado di scegliere il suo "miele".

Frutta, verdura, formaggi, carni, miele: per godere di questi, è possibile partecipare a un alveare o diventare voi stessi un alveare.

blog laruchequiditoui
Seguire laruchequiditoui su Facebook e Twitter.
Scopri laruchequiditoui.fr

Photo credit: fotolia.com